L'Ultimo Lenzuolo Bianco

IL PUNTO BIANCO NEL CUORE DELL'UOMO

Spettacolo teatrale tratto dal libro di Farhad Bitani  

"L'ultimo lenzuolo bianco - L'inferno e il cuore dell'Afghanistan"

Progetto

Questo progetto è volto a portare in scena attraverso uno spettacolo teatrale una storia vera che veicola un forte messaggio di interculturalità e dialogo tra le religioni, di conoscenza e testimonianza di una realtà che, nonostante lontana geograficamente, ormai fa parte della nostra vita quotidiana e dell'attualità. La storia di Farhad e del suo cambiamento di cuore e pensiero vuole essere lo spunto per l'incontro tra Occidente ed Oriente, Islam e Cristianesimo, mentalità diverse che proprio attraverso questo contatto riescono a compensarsi, migliorare la società e a condannare il fondamentalismo e le violenze che ne conseguono. Attraverso il teatro e la drammatizzazione si vuole dare luce all'umanità che emerge dai gesti semplici di ogni giorno e che sono il comune denominatore di ogni uomo, a prescindere dalla cultura di appartenenza. 

Scheda Spettacolo

Lo spettacolo è tratto dal libro autobiografico di Farhad Bitani "L'Ultimo Lenzuolo Bianco".

Afghanistan. Una donna di Kabul, la coraggiosa e saggia Manà, racconta la storia di suo figlio, facendosi sia narratrice che protagonista di questo "viaggio" assieme agli altri due attori che interpretano il giovane Farhad, l'amico Seyar, e gli altri personaggi che prendono vita dai ricordi evocati: dall'Afghanistan all'Italia, dalla famiglia e gli amici di infanzia ai nuovi incontri che cambieranno per sempre la vita di questo giovane ragazzo afghano.

Il viaggio diventa così metafora, assieme al vento di Kabul, di questa ricerca della verità, di se stessi e di Dio. Farhad, figlio di un importante generale dell'esercito mujaheddin, nasce a Kabul nel 1986, in una terra meravigliosa ma devastata dalla guerra e dal fondamentalismo, tra le violenze e l'abuso del nome di Dio, usato per giustificare potere e morte. Tutto sotto lo sguardo indifferente delle potenze occidentali, complici silenziose di una finta guerra per la democrazia. Farhad cresce tra le armi e le esecuzioni che si fanno spettacolo, tra le ricchezze e i lussi di un mondo privilegiato al quale è dura sottrarsi. Una realtà che diventa "normale", "giusta". Il resto del mondo è sconosciuto, infedele, peccatore. Unica ancora di salvezza in questo scenario: una madre, donna dolce ma dotata di una forza straordinaria, convinta che anche in tutti i cuori più neri resti un piccolo puntino bianco, una speranza per cambiare, per ritrovare la strada. Arriverà poi l'incontro con il "diverso", che cambierà per sempre la vita di Farhad e il suo sguardo sul mondo... I personaggi vogliono essere portavoce di un'umanità universale, dove tutti possiamo essere i buoni, i cattivi, le vittime, i carnefici...Tutti possiamo essere i personaggi della storia. Tutti siamo Farhad . Tutti, se vogliamo, possiamo cambiare noi stessi e il mondo.

Tematiche

Protagonista dello spettacolo  è l'uomo. L'uomo e il rapporto con l'altro, il diverso, l'uomo e il rapporto con Dio, ma soprattutto l'uomo e il rapporto con sé stesso. Questo spettacolo vuole sfatare l'illusione che il mondo occidentale sia lontano anni luci da questa realtà. Per capire le importanti vicende che accompagnano la nostra quotidianità è necessario conoscere e capire l'altro. I temi che avvolgono la vicenda sono tanti e spaziano dall'abuso di potere alla strumentalizzazione della religione.  Il tema del cambiamento è fondamentale: la speranza di poter diventare persone migliori, di creare un mondo migliore, di cambiare grazie al rapporto con gli altri superando il pregiudizio. 

Partnership&Collaborazioni

- Università degli Studi dell'Insubria (Varese e Como)
- ITSTIME -
Italian Team for Security, Terroristic Issues & Managing Emergencies dell'Università Cattolica di Milano
- Centro di Cultura e Iniziativa Teatrale Mario Apollonio
- Centro di Ricerca REDESM -
Religioni, diritti ed economie nello spazio Mediterraneo
- Centro di Ricerca "Mass media e società. Storia e critica dell'opinione pubblica"
- Comune di Varese
- Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus
- Immaginazione srl
- Amir Art Collection
- Gieffe Color Varese 

Eventi di presentazione Università Insubria


- ANTEPRIMA 4 MAGGIO 2018 ORE 21.00 

TEATRO NUOVO VARESE - Viale dei Mille, 39, 21100 Varese VA

- 9 GIUGNO 2018 / CADEGLIANO VICONAGO - VILLA MENOTTI